Attacco di Kämna al Giro d’apertura: lo sprint caldo decide prima Maglia Rosa

Attacco di Kämna alla partenza del Giro
Lo sprint caldo decide la prima Maglia Rosa

A 1000 metri dal traguardo, il ciclista Lennard Kämna ha preso il comando nella prima tappa del Giro d’Italia, ma poi il favorito Mathieu van der Poel ha preso il testimone. L’olandese ha afferrato la prima maglia rosa del Giro d’Italia nella volata finale, provocando un incidente.

Un colpo secco di Lennard Kämna non ha funzionato, invece Mathieu van der Poel ha ottenuto la maglia rosa al via del 105° Giro d’Italia dopo un giallo al Tour de France 2021. L’olandese, nipote della stella del ciclismo Raymond Poulidor, scomparso nel 2019, ha vinto una spettacolare deviazione al Giro in Ungheria dopo 195 chilometri da Budapest a Visegrad davanti all’Eritrea Biniam Girmay e allo spagnolo Pello Bilbao.

Ma Kämna ha subito fatto scalpore, colpendo due chilometri e mezzo sulla salita finale e strappando il campo. “È stato abbastanza spontaneo. Quando ho capito di essere in una buona posizione e il campo si è fermato, ho pensato: questo è un buon momento per attaccare. Alla fine non ha funzionato, ma non è stato così. ancora buono La mia gamba è esplosa nella schiena”, ha detto Kämna.

Kämna vuole aiutare Buchmann

Ma attenzione alla concorrenza. Il vincitore della tappa del 2020 è stato nuovamente inseguito a 800 metri dal traguardo e lo scenario atteso è emerso con van der Poel come vincitore. Allo stesso modo, il quattro volte campione del mondo di cross country ha vinto la seconda tappa del Tour a Mur-de-Bretagne l’anno scorso e ha continuato a indossare la maglia gialla per sei giorni. La finale è stata oscurata dalla caduta della stella dello sprint australiano Caleb Ewan.

Eppure c’è ancora molto da aspettarsi da Kmna. Il 25enne ha dimostrato di dare il meglio di sé. Al Giro vuole andare a caccia di tappe e aiutare i primi tre corridori intorno a Emanuel Buchmann a lottare per il podio. Il duo italiano ha suscitato molto scalpore durante gran parte della prima tappa del secondo girone ciclistico nazionale più importante dopo il Tour de France: Mattia Bais e Filippo Tagliani del Team DRA erano momentaneamente in vantaggio di oltre dieci minuti, ma staccati di meno di 14 chilometri dal finire.

Sabato è in programma la prima delle due cronometro individuali, ma i nove chilometri attraverso Budapest non dovrebbero comportare un enorme distacco nella classifica generale. Il viaggio in Ungheria si conclude domenica con una tappa da Kapsovar a Balatonfüred, prima che le cose si facciano serie sulla quarta tappa in Italia e la scalata dell’Etna, il vulcano attivo più alto d’Europa. Il giroscopio termina dopo 3410 km il 29 maggio a Verona.

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.