Articolo di E. Inbar in “K”: Qual è l’agenda per il Mediterraneo orientale?

Negli ultimi anni, Cipro, Grecia e Israele hanno notevolmente rafforzato i loro legami a livello politico, energetico e militare. I leader politici di questi paesi si incontrano regolarmente. Coordinano le loro politiche energetiche, in particolare per quanto riguarda i giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale. Inoltre, hanno istituito l’Eastern Mediterranean Gas Forum (EMGF), che comprende Egitto, Italia, Giordania e Autorità Palestinese. Si è sviluppato in una piattaforma di cooperazione regionale per lo sviluppo di giacimenti di gas naturale nel Mediterraneo.

Inoltre, i tre paesi svolgono diverse esercitazioni militari per perfezionare le proprie capacità. Ulteriori interazioni in altre aree rafforzano questo allineamento, che ha conseguenze politiche e strategiche. Ad esempio, ha contribuito a un cambiamento nella politica della Turchia riguardo agli accordi di Abramo e Israele.

Per rafforzare l’importanza strategica della cooperazione Atene-Gerusalemme-Nicosia, è necessaria un’agenda di politica estera comune più coerente. La prima agenda è un migliore coordinamento a Washington in modo che gli Stati Uniti prendano coscienza delle realtà regionali, poiché non sembra avere una politica coerente nei confronti della regione.

Washington, nel suo approccio all’Egitto, il più importante Paese arabo, è ossessionata dai diritti umani. In Libia si è rivolto a elementi islamisti. Il culmine del suo approccio strategico a breve termine è stata la cancellazione del suo sostegno al gasdotto EastMed (a causa di presunte ragioni ambientali), che avrebbe dovuto portare energia in Europa, poche settimane prima della guerra in Ucraina, innescando così una crisi energetica.

Questo governo deve essere più concentrato quando si avvicina alle regioni. Quando gli Stati Uniti rivolgeranno la loro attenzione alla Cina per ovvi motivi, la regione del Mediterraneo orientale riceverà meno attenzione americana. Tuttavia, l’aumento dei prezzi dell’energia potrebbe rallentare il ritiro degli Stati Uniti dal più ampio Medio Oriente.

Questo periodo dovrebbe essere utilizzato per garantire una migliore comprensione da parte dell’America del valore dell’allineamento tripartito. L’imminente visita del presidente Joe Biden in Israele è un’opportunità per rafforzare la comprensione da parte dell’America degli usi del Mediterraneo orientale.

Il secondo punto all’ordine del giorno congiunto riguarda l’Egitto, membro del FEMGF e storica rivale della Turchia. Inoltre, Grecia e Cipro hanno promosso relazioni militari con l’Egitto, a causa delle minacce alla sicurezza che devono affrontare e per aiutare a difendere i loro interessi nel Mediterraneo orientale.

Tuttavia, l’Egitto era riluttante ad aderire all’alleanza greca con Israele, nonostante il significativo miglioramento delle relazioni Cairo-Gerusalemme. Sono necessari sforzi per integrare l’Egitto nella composizione. La partecipazione dell’Egitto alla formazione può essere molto vantaggiosa per i quattro paesi.

La terza questione comune è la Turchia, una potenza revisionista intrisa di tendenze neo-ottomane e islamiste. Questo ha moderato il suo comportamento per una serie di motivi, ma finché il presidente Recep Tayyip Erdogan è il leader, il potenziale di deviazione è alto.

Per rafforzare l’importanza strategica della cooperazione Grecia-Israele-Cipro, è necessaria un’agenda di politica estera comune più coerente.

Tuttavia, il ritiro degli Stati Uniti dalla regione e l’indebolimento della Russia danno alla Turchia e alle altre potenze regionali una maggiore libertà d’azione. La guerra in Ucraina sottolinea l’importanza della posizione strategica della Turchia. Inoltre, gli Stati Uniti continueranno a essere riluttanti a fare pressione su Ankara affinché non spinga la Turchia nelle mani della Russia. Questi sviluppi possono incoraggiare le avventure turche. Prevenire la Turchia continuerà a essere una sfida significativa.

La quarta questione comune riguarda il nuovo West Asia Quad, composto da Stati Uniti, India, Israele ed Emirati Arabi Uniti (UAE). New Delhi sta cercando di costruire un’alternativa all’iniziativa cinese Belt and Road, che collega l’India al Mediterraneo attraverso gli Emirati Arabi Uniti e Israele.

Un’impresa del genere farebbe innamorare i suoi partecipanti a Washington. Israele, gli Emirati Arabi Uniti ei paesi di lingua greca dovrebbero promuovere questa alternativa. Inoltre, la creazione del Quad rafforzerebbe l’Alleanza abramitica, che era nuova e fragile. Le persone nel Golfo non hanno interiorizzato i vantaggi intrinseci del riconoscimento di Israele, lo stato ebraico. Inoltre, l’Accordo di Abramo si basa sulla realizzazione delle speranze di Israele di porre fine alla minaccia iraniana.

L’Ucraina ci ha ricordato che la guerra è ancora una scelta politica, anche in Europa. Il Mediterraneo orientale e il Medio Oriente sono regioni di molto conflitto e un’atmosfera più bellicosa dell’Europa.

Sfortunatamente, il diritto internazionale e le garanzie internazionali si sono rivelate inefficaci nel prevenire la provocazione da parte di stati aggressivi. Ciò non sorprende coloro che sono consapevoli della natura perennemente caotica del sistema internazionale, in cui non esiste una guardia internazionale per mantenere la legge e l’ordine.

Ciò significava che i paesi appartenenti all’alleanza Atene-Gerusalemme-Nicosia dovevano prepararsi senza illusioni alla guerra. Sebbene le relazioni all’interno delle coalizioni debbano essere rafforzate, tieni presente che queste non sono alleanze. Israele deve essere un modello e la sua dottrina dell’autosufficienza deve essere un esempio da emulare. Ogni Paese dovrebbe investire nella difesa e rafforzare il proprio potere militare e di deterrenza. La debolezza “invita” sempre l’aggressività.

L’attuazione di questa agenda è un imperativo di sicurezza nazionale per questa alleanza e gli Stati Uniti devono promuoverla attivamente. Inoltre, può fornire stabilità rudimentale in ambienti difficili. Atene e Gerusalemme, pietre miliari della civiltà occidentale, devono aprire la strada al resto del mondo.

* Sig. Ephraim Inbar è presidente del Jerusalem Institute for Strategy and Security (JISS).

• Questa versione dell’articolo è stata presentata dall’autore in un incontro del Forum Israel-Greek, organizzato ad Atene dal B’nai B’rith World Center-Gerusalemme in collaborazione con l’Istituto di Relazioni Internazionali dell’Università del Pantheon il 27 giugno -28.

Le notizie di oggi

Seguilo kathimerini.gr su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, su kathimerini.gr

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.