Altro da Zverev: anche la squadra tedesca vuole brillare a Malaga – notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro ancora

Con il loro ingresso prematuro agli ottavi di Coppa Davis, i tedeschi hanno dimostrato di essere tra i migliori al mondo anche senza Alexander Zverev.

L’infortunato Alexander Zverev ha sorriso compiaciuto, drappeggiato con una felpa nera con cappuccio in una scatola, una doppia meraviglia insormontabile godendosi il caloroso applauso di 5.000 fan al fresco di Amburgo.

Kevin Krawietz e Tim Pütz guidano il tennis maschile tedesco alla vittoria di gruppo in Coppa Davis. Il duo ancora imbattuto ha segnato il punto decisivo nella vittoria per 2-1 sull’Australia. All’inizio della fase finale del torneo di Malaga, a fine novembre, la Germania incontrerà il Canada.

“Non siamo mai stati i migliori nella nostra fascia d’età in Germania, non siamo mai stati tra i migliori in assoluto al mondo. La Coppa Davis è stata qualcosa di speciale per noi, ha tirato fuori il meglio di noi”, ha detto Pütz dopo 6:4, 6 : 4 contro Wimbledon – I vincitori di Matthew Ebden e Max Purcell. In otto presenze insieme in Coppa Davis, il duo tedesco non ha mai perso.

“Ci siamo andati per andare molto lontano”

Anche prima della fine della fase a gironi, la mente di Michael Kohlmann era in parte rivolta al sole di novembre in Spagna. Negli ottavi di finale, i tedeschi stanno cercando di mostrare la stessa emozione e il successo tennistico di casa, anche senza il loro fuoriclasse infortunato Zverev. “Il nostro obiettivo non è solo vincere un round a Malaga, ma ci stiamo andando per andare oltre”, ha affermato Kohlmann dell’agenzia di stampa tedesca.

A Málaga, la strada per la finale è stata tracciata e hanno evitato la principale favorita Spagna. Quando vinci contro il Canada, ti incontri Stati Uniti d’America o Italia. Lo spagnolo, che potrebbe affrontare il numero uno del mondo Carlos Alcaraz e la superstar Rafael Nadal, dovrà quindi solo aspettare in finale. A Kohlmann per ora non importava dell’avversario. “Non so quale squadra dobbiamo nascondere”, ha detto il capo squadra di 48 anni. Vogliono prendere la causa di essere un avversario sgradevole per ogni paese.

Kohlmann a Zverev: “Non iniziare troppo presto”

Leggi anche

tennis

Coppa Davis: la squadra tedesca inizia con Otte e Struff

Non hai nemmeno bisogno di Zverev, la cui gamba è ferita, per quello. “Al momento non sappiamo esattamente per quanto tempo sarà fuori Sascha”, ha detto Kohlmann. “Dobbiamo aspettare e vedere. Per lui era importante trovare la sua strada. Non iniziare troppo presto, concentrati su te stesso e mettiti in forma, per apparire al meglio. Se eguaglierà la Coppa Davis, saremo molto felici”.

Zverev aiuta anche la squadra come tifoso. “Sono davvero felice che faccia parte della squadra e possiamo stabilire un contatto visivo durante la partita. Questo aiuta molto”, ha detto Jan-Lennard Struff. La 32enne ha vinto il suo terzo singolo a Rothenbaum, con o senza contatto visivo.

Nelle parole di Kohlmann e Struff c’era qualche speranza, ma Kohlmann non poteva pianificare realisticamente con i suoi migliori giocatori. Anche se il 25enne si fosse ripreso dall’edema osseo, perderebbe mesi di allenamento. “In questo momento è importante per Sascha guardare se stessa e prendersi il tempo necessario per tornare presto”, ha detto Kohlmann. In Spagna, il 48enne ha dovuto fare affidamento su Struff e Oscar Otte individualmente come ad Amburgo.

Struff può portare fiducia con lui dall’Amburgo

Soprattutto perché questo duo sarebbe quindi a un livello migliore. Struff ha preso fiducia con una vittoria ad Amburgo dopo un anno fallito in cui era sceso al 132esimo posto nella classifica mondiale. E Otte è appena tornata da un’operazione al ginocchio. “Oscar sta migliorando partita dopo partita e sarà su un livello diverso a novembre”, ha detto Kohlmann.

E poi c’è il doppio successo. Krawietz e Pütz hanno ottenuto i punti decisivi in ​​tutte le vittorie ad Amburgo. Anche se a volte c’è un po’ di fortuna in gioco. “Abbiamo gli dei della Coppa Davis dalla nostra parte”, ha detto Krawietz. E Pütz dà un’idea del segreto del successo del duo, che ha vinto tutte le prime otto partite di Coppa Davis: “Potrebbe anche aiutare il fatto che non giochiamo insieme in tour, perché è sempre qualcosa di fresco”.

Questa freschezza dovrebbe durare almeno fino a Malaga. E dal momento che stai evitando nazioni straordinarie come la Spagna ospitante all’inizio del torneo finale, questa affermazione è abbastanza legittima. “Abbiamo continuato a crescere negli ultimi anni”, ha detto Kohlmann. “L’anno scorso eravamo in semifinale, quest’anno almeno di nuovo i quarti di finale”. Almeno.

© dpa-infocom, dpa:220917-99-800394/5

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.