All’età di 67 anni muore l’ex golfista Eduardo “El Gato” Romero

“El Gato” Romero è morto questa domenica all’età di 67 anni (@egatoromero)

Questa settimana, all’età di 67 anni, l’ex giocatore di golf è morto Eduardo “Gatto” Romeroche ha servito come sindaco Villa AllendeCórdoba, posizione che si è preso una pausa a causa della sua salute cagionevole.

Il governo della città ha confermato la triste notizia in un comunicato: “E’ con profondo dolore che il Comune di Villa Allende comunica che il sindaco Eduardo Romero è appena scomparso all’età di 67 anni, per noi e per il mondo, ‘El Gato'”.

“Eduardo Romero senza dubbio uno dei residenti più in vista e riconosciuti della città, che ci ha rappresentato in tutto il mondo attraverso la sua carriera sportiva di golfista, ma soprattutto residente di fama che anche qualche anno fa ha accettato e intrapreso la sua nuova sfida: essere il sindaco di una città che lo ha visto svilupparsi e crescere, come atleta e come persona”, ha affermato il governo cittadino.

Pochi giorni fa, il famoso golfista vincitore del Trophée Lancme and Open in Spagna, Francia, Italia e Scozia aveva chiesto il congedo dalla carica di capo della comunità per problemi di salute che si protraevano da diversi mesi. .

In dicembre, È stato ricoverato in un sanatorio privato nella capitale Córdoba dopo aver sofferto di scompenso e di problemi di stomaco. A fine anno Romero dichiarò pubblicamente che le sue condizioni di salute erano precarie, che era stato sottoposto a vari tipi di studi medici che sarebbero proseguiti per tutto il mese di gennaio. “Non nego che questo mi renda preoccupante ed estenuante, ma voglio anche farvi sapere che questa sfida mi ha rafforzato”lo ha espresso in una lettera che ha condiviso sui suoi social.

Condoglianze a Cordova per la morte di Gato Romero
Condoglianze a Cordova per la morte di Gato Romero

Le sue condizioni sono peggiorate nelle ultime settimane. Il 29 gennaio l’ex atleta professionista ha ammesso di non poter continuare la sua attività di sindaco. “Sono tornato qui per raccontarti cosa mi è successo e, soprattutto, il motivo per cui non potevo essere lì, accanto a te come lo sono sempre stato. Le mie condizioni di salute sono fragili e da qualche settimana ho iniziato una lunga cura con alti e bassi, che oggi mi obbligano a darvi notizie che non avrei mai potuto immaginare e per le quali non avrei mai potuto prepararmi. Insieme al mio team e alla mia famiglia, abbiamo deciso che era meglio interrompere i miei doveri di sindaco di Villa Allende, chiedendo un permesso temporaneo che mi avrebbe permesso di concentrarmi sulla mia salute”, ha detto ai vicini.

Con Roberto De Vicenzo e Ngel Cabrera, lui uno dei migliori giocatori di golf nella storia dell’Argentina, vincendo più di 80 tornei in tutto il circuito. Dopo una carriera di successo dove è salito al 19° posto nella classifica mondiale, eNel 2015 è stato eletto sindaco da PRO e nell’aprile 2019 è stato rieletto. Questa settimana, a tarda notte, la sua morte è stata confermata.

Romero nasce a Villa Allende il 17 luglio 1954, “il luogo in cui torna sempre dopo il suo lungo giro del mondo”. Nel 1978 ha sposato Adriana García, “sua moglie fino alla fine”, dalla quale ha avuto una figlia: Dolores. È anche il nonno di “Eduardito”.

Dichiarazione del governo della città sulla morte di Romero
Dichiarazione del governo della città sulla morte di Romero

“Con le lacrime agli occhi oggi salutiamo uno dei più grandi golfisti del nostro Paese, e soprattutto la nostra città, salutiamo il sindaco di Villa, padre e marito, ma soprattutto ci congratuliamo dal vivo con quello speciale vicino, di basso profilo, semplice e umile. Diciamo addio ad un altro prossimo che, però, sarà segnato per sempre dal fuoco nei nostri ricordi e nei nostri cuori”ha concluso il governo municipale.

La partenza di Romero ha suscitato scalpore nella politica nazionale. “Lo ricorderemo come un grande giocatore di golf, un grande sindaco e, soprattutto, una grande persona”, ha affermato il presidente PRO, Patrizia Bullrich.

“Non so niente di golf ma so chi è Gato Romero. Poi, la politica ci ha avvicinato e lì ho finalmente incontrato una persona molto grande. Riposi in pace, caro Gato», disse il senatore Cordova giudice Luigi.

Da parte sua, sul suo account Twitter, il deputato radicale Mario Nigri, disse: “Addio caro Gato Romero. Sei un atleta straordinario, un leader fenomenale spinto ad adottare un approccio politico per cambiare la vita dei cittadini di Villa Allende e un essere umano straordinario”.

Si unì al suo messaggio, il governatore di Córdoba, Giovanni Schiarettiche ha definito Romero “un uomo impegnato per il suo popolo”, “esprimo le mie più sentite condoglianze a tutta la sua famiglia, agli amici, ai suoi cari e ai residenti di questa città”.

“Mi dispiace per la partenza anticipata di Gato Romero. Un esempio come atleta e come sindaco che ha ispirato tante persone a impegnarsi per il futuro del nostro Paese. Mando un caloroso abbraccio a tutta la vostra famiglia e ai vostri amici in questo momento difficile”, pubblica il deputato Insieme per il cambiamento, Maria Eugenia Vidal.

Domenica sera è intervenuto l’ex presidente Maurizio Macri: “Sono grato di essere vivo perché ho incontrato Gato Romero. Esempio di atleta e cittadino, ha usato tutto il suo talento, carisma ed educazione per rappresentare sempre noi argentini nel miglior modo possibile. E ha posto fine alla sua vita servendo il suo caro vicino di casa a Villa Allende con dedizione”.

“Qualche giorno fa gli ho detto che ci saremmo incontrati di nuovo per condividere la passione che entrambi proviamo per l’Argentina, per Córdoba e per lo sport. Era, era e sarà un grande uomo”, ha aggiunto Macri, sottolineando che Romero continuerà a “essere tra noi grazie all’esempio e alle lezioni che ci ha lasciato”.

CONTINUA A LEGGERE:

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.