Al posto del franco-tedesco, al timone un nuovo asse franco-italiano…

Lui Matilde Ciulla

La Francia dovrà affrontare una serie di grandi sfide nel 2022, così come l’Unione europea nel suo insieme. Tuttavia, con la Germania concentrata sui negoziati per formare il prossimo governo di coalizione, la Francia ha l’opportunità perfetta per rafforzare la coalizione necessaria per affrontare questa sfida. Può farlo collaborando con l’Italia per costruire ponti tra gli Stati membri più meridionali dell’UE ei cosiddetti paesi frugali: Austria, Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi e Svezia. In questo modo, il Partenariato franco-italiano può sostenere la Presidenza francese nel Consiglio dell’Unione Europea nella prima metà del 2022. Il Partenariato sarà presto rafforzato dall’Accordo del Quirinale, volto a creare un quadro istituzionale per la cooperazione tra Francia e L’Italia, sulla base dell’Accordo dell’Eliseo firmato da Francia e Germania nel 1963. Come hanno riconosciuto Parigi e Roma, era fondamentale mantenere la coesione europea in un momento in cui l’UE doveva far fronte a un numero crescente di complessi conflitti interni e minacce esterne. .

Dal 2016 le relazioni bilaterali tra Francia e Italia hanno incontrato difficoltà in diversi ambiti. Ad esempio, i due paesi per molto tempo non sono riusciti a trovare una posizione comune nella guerra in Libia, impedendo così all’UE di agire come un’unità per porre fine al conflitto. La Francia ha richiamato il suo ambasciatore a Roma nel 2019 dopo che Luigi Di Maio, vicepremier italiano, ha incontrato i rappresentanti del movimento dei “gilet gialli”, fondendo Chantiers de l’Atlantique e Fincantieri.

Gran parte della tensione può essere spiegata dall’asimmetria politica ed economica tra Francia e Italia: un sistema presidenziale contro parlamentare, una grande economia aziendale anziché più industrializzata e incentrata maggiormente sulle piccole e medie imprese, e il Settore pubblico italiano, un dialogo che spesso si concentra sulla Francia rispetto ai dibattiti pubblici francesi che raramente toccano l’Italia. Un altro fattore sono i diversi approcci dei funzionari su ciascun lato delle Alpi. Dall’insediamento del presidente francese Macron nel 2017, ha dovuto lavorare con tre governi italiani, i quali non gli hanno reso la vita facile.

Poiché l’Italia non utilizza in modo coerente tutti gli strumenti economici e politici a sua disposizione, alcuni partner dell’UE non lo prendono sul serio. Tuttavia, NextGenerationEU ha dimostrato che l’Italia poteva utilizzare questi strumenti: il piano di ripresa è stato ampiamente ascritto a un accordo tra Francia e Germania, ma in realtà è nato come un’alleanza franco-italiana. Solo dopo aver raggiunto un accordo con l’Italia la Francia ha chiesto il sostegno tedesco al progetto (cosa molto importante, visto che la Germania ha rapporti migliori con i paesi frugali). Se il partenariato franco-tedesco stava mediando l’accordo, è stato il partenariato franco-italiano ad avviarlo.

La Francia deve mantenere stretti i suoi alleati se vuole mantenere la sua influenza all’interno dell’UE Forse la più grande opportunità per migliorare le relazioni franco-italiane deriva dal fatto che il primo ministro Mario Draghi ha creato un nuovo slancio politico per il paese. Ciò ha spostato le priorità dell’Italia verso la cooperazione con i partner chiave nell’UE e il multilateralismo, al fine di rafforzare l’UE come attore geopolitico. In vista delle elezioni presidenziali dell’aprile 2022, la Francia dovrà consolidare i suoi legami bilaterali con l’Italia sotto Draghi e lanciare una coalizione ad hoc che rafforzerà le politiche dell’UE una volta che la Germania tornerà in gioco. Questi sforzi possono essere concentrati su aspetti della cooperazione in materia di difesa e sicurezza in politica estera. Draghi si sente più a suo agio nel difendere l’autonomia strategica dell’Europa – una questione importante per Macron – rispetto a molti altri leader europei. Sembra riconoscere che un’UE strategicamente autonoma può essere un utile partner per la sicurezza degli Stati Uniti e della NATO.

La recente collaborazione di Dracron sembra aver aiutato Italia e Francia a riavvicinarsi sulle questioni che le hanno divise. Nel marzo 2021, i ministri degli Esteri di Francia, Italia e Germania hanno compiuto una visita congiunta in Libia – un tacito riconoscimento che la disputa franco-italiana sulla guerra in Libia ha contribuito a creare un’apertura all’intervento di attori come Turchia e Russia (nessuno dei che condividevano gli obiettivi dell’Unione L’Europa nella regione). Il passaggio della Francia alla polimerizzazione in risposta alla guerra e il parziale ritiro del suo sostegno al generale Khalifa Haftar furono decisivi a questo riguardo.

Il partenariato franco-italiano potrebbe contribuire a ridefinire il ruolo internazionale dell’UE e garantire che l’UE agisca invece di perdere tempo in discussioni teoriche. Il governo di Draghi ha preso le distanze dal flirt del predecessore con Pechino, che ha reso l’Italia l’unico Paese dell’UE a firmare un memorandum d’intesa sulla via della seta cinese, che include elogi pubblici per la medicina cinese, aiuti durante la pandemia. L’Italia può anche contribuire all’attuazione della strategia dell’UE (sponsorizzato dalla Francia) per la cooperazione nella regione India-Pacifico.

La Francia, nel frattempo, ha affermato che una delle sue priorità nella presidenza dell’UE sono le questioni digitali e le implicazioni per le relazioni dell’Europa con la Cina e gli Stati Uniti. Anche la Francia avrà bisogno di alleati se vuole compiere progressi su due leggi correlate attualmente in fase di elaborazione da parte dell’UE: la legge sui mercati digitali e la legge sui servizi digitali. Si tratta di un naturale problema di convergenza con l’Italia, soprattutto quando si tratta di finanziare aziende europee nel settore digitale – magari per creare campioni capaci di competere con le loro controparti statunitensi e cinesi – e nella regolamentazione dei contenuti. , che la Francia ritiene necessaria per tutelare la sovranità digitale europea.

Sebbene una cooperazione ad hoc tra Francia e Italia sia essenziale, i due paesi dovranno istituzionalizzare ulteriormente le loro relazioni se vogliono sopravvivere alla prossima crisi. La firma dell’accordo del Quirinale entro la fine dell’anno sarebbe un passo importante verso un’alleanza franco-italiana più forte e flessibile.

Puoi vedere il testo qui: https://ecfr.eu/article/enter-the-dracron-franco-italian-relations-and-european-cohesion/

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.