A causa della siccità in Italia è vietato lavare le auto, i giardini d’acqua e i parrucchieri laveranno la testa ai clienti una sola volta – Mondo

Se non c’è acqua ci possono essere multe, è la logica amministrativa di molti comuni italiani, alle prese con una siccità estrema, con temperature intorno ai 40°C.

Diversi distretti italiani hanno chiesto al governo di Mario Draghi di dichiarare lo stato di emergenza a causa della siccità, ma il governo è stato titubante, forse perché la maggior parte dell’approvvigionamento idrico era di competenza dei distretti.

I grandi fiumi si sono quasi prosciugati, ma anche la situazione dei laghi glaciali è catastrofica: solo il 20 per cento dell’afflusso raggiunge in media il Lago Maggiore e quasi il 18 per cento raggiunge il Lago di Como.

Le due aree più minacciate, Piemonte e Lombardia, hanno dichiarato lo stato di emergenza. Ciò autorizza i sindaci a introdurre divieti mirati nelle loro aree. Ma questo divieto non è da meno in tutto il nord e centro Italia.

A Milano, ad esempio, è vietato lavare le auto, se non presso i centri di assistenza autorizzati. Vietato anche il cambio dell’acqua nelle fontane e nelle piscine private, ma il consiglio è di conservare, pulire e disinfettare l’acqua esistente con prodotti chimici, rapporti Quotidiano del mattino.

In molti comuni è vietato l’uso dell’acqua potabile per l’irrigazione di orti e parchi, il lavaggio delle auto, il riempimento di piscine e attività similari con consumi idrici significativi.

Un apposito portale per gli automobilisti pubblica il metodo “lavaggio a secco”, ovvero l’utilizzo di prodotti chimici, applicati su un panno o una spugna, senza necessità di risciacquo con acqua. E si vantano ancora che l’auto è più luminosa dopo, lucidata con cera.

A Verona l’uso dell’acqua è consentito solo di notte. A Bologna è vietato innaffiare i giardini privati ​​dalle 8:00 alle 21:00 e il verde cittadino dalle 10:00 alle 18:00.

A Civa, in Frazione Sondrio, l’irrigazione è consentita solo dalle ore 22:00 alle ore 24:00 e dalle ore 05:00 alle ore 07:00. Il comune ha chiuso tutte le fontane pubbliche e le pozze d’acqua o i bagni pubblici.

Nella frazione autonoma di Trento, il comune di Perine Valsugana ha utilizzato un metodo diverso: si può annaffiare in qualsiasi momento, ma solo con un pratico recipiente con capienza fino a 12 litri.

A Castenas, vicino a Bologna, ai parrucchieri è vietato lavare due volte la testa ai propri clienti. Immergere, fare lo shampoo e risciacquare una sola volta. E fino al 30 settembre.

Foto: EPA-EFE/Filippo Venezia

A Forlì i residenti hanno ufficialmente chiesto “l’uso del buon senso”, ma hanno anche annunciato il divieto fino al 21 settembre: dalle 8:00 alle 21:00 non era consentito abbeverare il verde e lavare le auto. L’acqua può essere utilizzata solo durante il giorno per bere gli esseri umani e il bestiame.

Al di là del mare, in provincia di Imperia, il comune di Pieve di Tezzo limita il consumo giornaliero di acqua a 200 litri per nucleo familiare. Se qualcuno esagera, l’approvvigionamento idrico viene immediatamente interrotto.

La siccità colpì anche il centro Italia, in particolare Umbria e Lazio, oltre ai distretti di Roma e Latina.

Anche a Perugia è vietato l’uso di acqua potabile “salvo usi domestici e sanitari”. Il divieto ha anche un effetto contrario: i consumi aumentano man mano che i cittadini accumulano. È come una guerra. E in quel modo.

A Perugia è consentito riempire piscine ad uso commerciale – Umbria senza sbocco sul mare – ma solo con l’approvazione e con il permesso della società di servizi idrici.

E possiamo continuare così, di città in città, ma ripeteremo solo i passaggi già menzionati. Ordine palliativo.

Non c’è abbastanza acqua e peggiorerà. È importante preservarlo, dare la priorità al bere rispetto ad altre necessità, all’economia all’estetica.

Sta al comune decidere cosa e come farlo, in quanto la differenza può essere notevole anche a una distanza di 5-10 chilometri.

I Comuni non hanno il diritto di trattenere, ma possono e possono finanziariamente. Pertanto, le multe per queste nuove infrazioni temporanee vanno generalmente da 25 a 500 euro, raggruppate più vicino al limite superiore rispetto al limite inferiore, ma a volte fino a 1000 euro.

Questa non è la fine. Le regioni stanno anche valutando restrizioni più forti, inclusa la chiusura delle vie navigabili pubbliche in momenti critici. Era già iniziato da qualche parte, senza una decisione, perché non c’era acqua. Le autocisterne riforniscono già una dozzina di città assetate del Piemonte e queste misure possono essere applicate anche altrove.

Ci saranno più prelievi all’inizio dell’autunno.

Seguici sul nostro Facebook e Instagram pagina, ma anche in Twitter Account. sottoscrivi Edizione PDF del giornale Danas.

Romana Giordano

"Scrittore estremo. Appassionato di Internet. Appassionato di tv freelance. Appassionato di cibo malvagio. Introverso. Pensatore hardcore. Futuro idolo degli adolescenti. Esperto di bacon."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.